Tu sei qui: Home / Articoli e notizie / Articoli / Il Piano delle Voci di un’azienda che produce e vende capi di abbigliamento

Il Piano delle Voci di un’azienda che produce e vende capi di abbigliamento

Il piano delle voci della contabilità analitica rappresenta un utile strumento per analizzare le causali dei costi e dei ricavi da un punto di vista gestionale, operando aggregazioni o suddivisioni utili ai fini del controllo di gestione ma non necessarie ai fini degli adempimenti contabili […]

Il piano delle voci della contabilità analitica rappresenta un utile strumento per analizzare le causali dei costi e dei ricavi da un punto di vista gestionale, operando aggregazioni o suddivisioni utili ai fini del controllo di gestione ma non necessarie ai fini degli adempimenti contabili e fiscali.

Tuttavia è tipico delle aziende costruire un piano delle voci con una corrispondenza quasi uno ad uno col piano dei conti, senza sfruttare in questo modo le potenzialità offerte dall’analitica per analisi di maggior dettaglio.

Consideriamo un’azienda che produce e vende capi di abbigliamento: in tale azienda sono di interesse le analisi per Marchi o Linee di prodotto (centri di profitto), ma anche la localizzazione per famiglie di prodotti, ad esempio:

  • per i ricavi, suddivisioni tra giacche, pantaloni, abiti , camicie etc…
  • per i costi dei materiali, importi divisi tra tessuti, fodere, filati, accessori di merceria e così via.

Ma come ottenere questi dettagli senza appesantire e rallentare le registrazioni contabili?
Si può utilizzare a tal fine il catalogo degli articoli, associando agli articoli i riferimenti della voce di vendita ed acquisto di analitica su cui confluiscono i relativi importi fatturati.
Questi riferimenti sono ereditati dall’anagrafica articoli sull’ordine di vendita o acquisto, e da qui sulle corrispondenti fatture attive e passive.

In fase di registrazione contabile della fattura si ricava in automatico la suddivisione dell’importo nelle varie voci di analitica consentendo di effettuare analisi di dettaglio richieste dal controllo di gestione.

Con questo accorgimento si può mantenere un piano dei conti definito secondo fini puramente contabili (es. un conto per ‘ricavi di vendita’ ed uno per ‘acquisti materiali’) e operare le analisi di dettaglio gestionali tramite le voci di analitica, senza appesantire in alcun modo l’attività di registrazione dell’amministrazione aziendale.

 

Consulta i nostri esperti scrivendo a consulenza@simpresaconsulting.com

A cura di Roberto De Pieri – Euteco, Consulente Affiliato Simpresa